QUINTANA DI ASCOLI PICENO
Quintana di Ascoli Piceno

LA GIOSTRA
Una gara di abilità e di destrezza per la conquista del Palio
Il torneo cavalleresco della Quintana è una sfida nella quale si cimentano sei cavalieri, ciascuno rappresentate di un sestiere cittadino. La giostra consiste nel colpire con la lancia, in tre consecutivi assalti da ripetersi per tre volte ogni turno («tornata»), il bersaglio del saraceno costituito dallo scudo sistemato sul braccio sinistro del saraceno.

Le origini feudali e cavalleresche dei tornei della Giostra
I tornei furono un prodotto del feudalesimo e della cavalleria, e si riallacciano, per ciò che riguarda il fine di esercitarsi nell’arte militare, ai giochi guerreschi propri di quasi tutti i popoli. Essi furono molto numerosi durante i secoli XII e XIII, in tutte le città grandi e piccole. Naturalmente anche più dei tornei furono numerose le Giostre dal Sec. XIII in avanti, e tanto vivo e diffuso fu l’amore per tali feste, che se ne vollero correre dappertutto.

IL PALIO DEGLI SBANDIERATORI
Scenografica e antica disciplina sportiva per la conquista del Palio degli Sbandieratori
Si allenano tutto l’anno gli agonisti che si esibiscono sotto il cielo stellato di Piazza Arringo, nelle cinque specialità previste dal regolamento federale e nel quale ormai vantano meriti e medaglie a livello nazionale, che arricchiscono il palmàres dei sestieri piceni.

IL CORTEO STORICO
Un magico e sontuoso salto nel medioevo, un momento catartico che coinvolge tutta la città di Ascoli Piceno
Con i suoi 1500 figuranti, che sfilano nella suggestiva cornice del centro storico di Ascoli Piceno indossando splendidi costumi del 1400, il Corteo della Quintana di Ascoli Piceno spicca per fascino e bellezza; agli occhi del pubblico saltano all’occhio, aumentando l’emozione, la bellezza delle dame, il portamento degli armati, i cavalieri e le Magistrature.

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn